You are here:

Attention: open in a new window. PrintE-mail

Il potere dei cuarzi

Nel mondo dei minerali, i cristalli sono quelli che più ci somigliano, poichè furono creati per essere i nostri migliori amici

Uno dei modi migliori per tirare fuori l'energia che per molto tempo abbiamo accumulato all'interno dei nostri corpi riuscendo a comunicare con il nostro cuore, è attraverso l'uso di cristalli di cuarzo.

Questi esseri meravigliosi sono i minerali più evoluti dal punto di vista energetico perchè sono composti dai quattro elementi, acqua, terra, fuoco ed aria, che parteciparono alla loro creazione di questi cristalli, e noi dobbiamo approfittarne per il nostro benessere.

Una delle missioni che compiono con noi è aiutarci ad attivare la nostra energia, a percepirla nel corpo affinchè si risveglino i centri del corpo fisico che ci doneranno una visione più ampia delle nostre azioni, sentimenti, pensieri.

Quando prendiamo un cristallo di cuarzo otterremo che la sua energia si coniughi con la nostra e vada muovendo la nostra energia, che è proprio ciò che dobbiamo fare se desideriamo che i nostri sensi migliorino.

 

All'interno dei cuarzi è contenuto un mondo magico

Sono vivi

La cosa principale che dobbiamo sapere è che ogni cristallo è un essere vivo, anche se potremmo pensare che si tratti di un semplice pezzo di roccia.

Nel mio caso avevo idea che i minerali essendo parte della natura, avessero qualche cosa di vivo, però non sapevo fino a che punto fino a che il mio Maestro Nintanctio mi disse:

"Cerca al suo interno, cerca il suo volto e lo troverai, chiedigli la sua energia e donagli il tuo cuore affinchè egli ti dia il suo".

Queste frasi mi sembravano strane, però trattandosi del mio Maestro decisi di metterle in pratica. Così mi dedicai per molto tempo cercando l'essere contenuto all'interno del cristallo e, malgrado pensassi che non sarei mai riuscita a vederlo, dopo un pò che continuavo le mie osservazioni incontrai il vero cristallo.

Sono esseri come noi veramente!, sono esseri di energia che ognuno può vedere all'interno del suo cuarzo. Questo momento è magico ed importante. Però dovete sapere che non vedrete una forma fisica o un volto come quelli che conosciamo, ma qualcosa di molto diverso: Sarà una sensazione, un sentimento.

Nel momento in cui avvertiremo qualcosa di diverso vorrà dire che saremo già connessi con il nostro cristallo, che il nostro essere interno ha avuto già un contatto con lui.

Sarà una comunicazione che coscientemente non ricorderemo, però ci sentiremo come quando parliamo molto con qualcuno di ciò che ci preoccupa o delle nostre sensazioni.

È un momento in cui si possono unire i due esseri, il nostro essere interiore ed il cristallo, si tratta di un momento magico perchè ci apriamo completamente ad un essere che farà lo stesso con noi.

È un congiungimento di energie che ci aiuterà a liberare ciò che abbiamo accumulato nei nostri corpi per anni, come frustrazioni, pensieri e dolori che ci portiamo dietro dall'infanzia. Inoltre, ci attiverà l'energia cha avevamo accumulato.

 

Esempio di cristallo pulito che dobbiamo evitare.

Come possiamo riuscirci?

La miglior forma di conseguire un cristallo è incontrarlo, per esempio, nel bosco.

Potremmo camminare e vederne uno, e ciò avviene perchè il cuarzo è giunto da un luogo magico, il mondo dei cristalli, ed arriva perchè evidentemente ne abbiamo bisogno per migliorare la nostra vita.

Per questo è importante che quando ne incontriamo uno, e non ci troviamo in prossimità di una miniera, dovremo tenerlo con noi perchè si tratta di qualcosa di speciale.

Generalmente a tutte le persone del pianeta capita il momento di incontrarne uno, perchè sono indispensabili per la nostra esistenza.

Il secondo miglior modo per ottenere un cristallo è che qualcuno ce lo regali. Se ciò avviene è perchè il nostro essere è entrato in contatto con qualcuno a noi vicino e gli ha comunicato la necessità di attivare la nostra energia e di trovare il modo che ci aiuterà a sentirci migliori.

Non è particolarmente buono comprare un cristallo perchè in questo modo invieremo al cuarzo un'energia quando non solo pensiamo in lui, ma inoltre paghiamo per ottenerlo, e quest'energia si bloccherà e si impregnerà nel cristallo e sarà molto difficile eliminarla.

È preferibile scambiarlo con qualcuno a cui vogliamo bene, che ce lo regali e noi a nostra volta gli regaleremo un cristallo.

Dobbiamo sottolineare che il cuarzo che sceglieremo dovrà essere naturale, ossia, non deve essere stato pulito. Infatti questo tipo di processi altera l'energia del cristallo perchè per essi è come una mutilazione. Attraverso questa lavorazione, il cuarzo perde la sua natura che è pace ed armonia.

Se si pulisce un cuarzo senza prima avergli chiesto il permesso ed il perdono per quello che si pensa di fare, è come se gli si togliesse la vita, tutta l'energia.

Questo lo possiamo comprovare comparandone uno puro ed uno pulito, quest'ultimo ci apparirà come un vetro poichè non ha più vita. Lo avvertiremo anche toccandolo, con l'energia che ci resta tra le mani.

Questo pericolo lo corrono anche i cuarzi maltrattati, il vantaggio è questi ultimi possono essere recuperati grazie all'amore che gli daremo.

Inoltre le druse (cristalli grandi) sono un solo essere che quando è diviso assume differenti personalità. Ognuna possiede un'energia speciale che diversa da tutte le altre, se si dovesse ropersi tutte le sue parti si convertono in esseri differenti. Potremo pensare che perdano forze. Invece no, solo assumono un'altra personalità ed energia differente dagli altri pezzi.

 

Il colore del cristallo non importa, tutti servono per lo stesso scopo.

Il modo di pulirlo...

Una volta che lo avremo con noi, dobbiamo avviare una comunicazione con il nostro cuarzo, parlargli e dargli il benvenuto. Dopo di che, sarà necessario pulirlo.

Il primo passo è porre acqua in un recipiente di cristallo o di terracotta. Dopo, attiveremo i canali che abbiamo nelle mani strofinandole per aprirli. In questo modo potremo programmare l'acqua imponendo le mani sopra il recipiente per parlare agli elementi del fluido ed attivare la sua energia. Potremo anche dire:

"Fratelli, pongo un cristallo affinchè mi aiutate a purificarlo dalle energie e donargli l'energia che voi possedete".

Successivamente si porrà il cristallo nel recipiente collocandolo in un luogo dove sia raggiunto dalla luce del sole e della luna. Se abbiamo a disposizione un terrazzo, potremo collocarlo al suo centro. Lo lasceremo in quel posto tutta la notte ed al successivo mezzogiorno potremo recuperarlo.

Prenderemo il recipiente e tireremo l'acqua ricordandoci di ringraziarla per aver pulito ed energizzato il cuarzo.

Adesso il nostro cristallo già sarà libero da qualsiasi energia che non gli appartiene, e lo potremo programmare per tutto ciò di cui avvertiamo più necessità.

I cristalli devono essere custoditi da qualche parte dove nessun altro possa toccarli, la soluzione migliore è procurarci un aggancio per portarlo sempre con noi appeso ad una catenina.

Se abbiamo dei cuarzi senza agganci, allora dovremo custodirli all'interno di un sacchettino di tela di colore rosso, nero o bianco. Ogni sette giorni bisogna alternare il colore. È importante che il sacchetto non sia nè di plastica nè di pelle.

 

È preferibile evitare che gli altri vedano il tuo cristallo.

Attenzione, non toccare

Dal momento in cui inizi una comunicazione con il tuo cristallo gli trasmetti la tua energia, come dicevano i nostri antenati che avvertivano il fatto di avergli donato una parte della loro anima, in questo modo nel cristallo sono contenute la sua e la tua energia.

Nel momento in cui cualcuno tocca il tuo cristallo interrompe questa comunicazione tra te ed il cristallo, che ritornerà ad "addormentarsi" perchè ha ricevuto un'energia sconosciuta e si annulla tutta la programmazione.

Tutti trascorriamo il giorno tra cariche positive e negatice che ci giungono sottoforma di preoccupazioni o frustazioni, per cui il nostro corpo è anzioso di liberarsene e, vedendo che qualcosa lo aiuta a farlo, immediatamente scarica tutto nel cristallo.

Quando qualcuno tocca il tuo cristallo, ti trasmette tutta la sua vibrazione. Toccare il tuo cristallo non è raccomandabile nemmeno alle altre persone perchè facendolo perderebbero una parte della loro energia.

Al momento di toccarlo liberano tutta la loro energia negativa, ed anche dopo averlo toccato questa connessione resta e la loro energia starà scorrendo, e libereranno altra energia dal loro corpo. In questo modo la persona è vittima di una perdita di energia che si manifesta sotto forma di stanchezza, nausea, dolore di testa che possono durare per due giorni.

Se ci capita che un'altra persona tocchi il nostro cristallo, dovremo quindi ripetere il procedimento di pulizia e programmazione.

 

Nei cattivi momenti ci aiutano a sentirci meglio.

Hanno molti usi

Uno dei principali usi per i quali possiamo programmare il nostro cuarzo è come protezione affinchè le energie negative che sono intorno a noi non ci dannegino. Però esistono un'infinità di usi per i quali possiamo approfittare dei nostri cristalli.

Per esempio, potremo programmarli per attrarre la nostra anima gemella, per trovare la nostra missione, per risvegliare i nostri chacras (punti energetici del nostro corpo), ecc...

Se desideriamo programmarlo per curarci mali minori, come il dolore di testa, dovremo chiedere al nostro cuarzo di liberare l'energia che abbiamo accumulata all'interno del nostro corpo.

Se soffriamo di mal di fegato vuol dire che non si sta attivando la sua energia e questo può danneggiare ancora di più il nostro fisico fino ad avere serie ripercussioni. In questo caso diremo al nostro cristallo che ci aiuti a liberare l'energia necessaria affinchè quest'organo riprenda a stare bene.

Lo posizioneremo nel luogo dove avvertiamo la necessità e gli chiederemo di attivarsi. Cercheremo il modo migliore in cui dovremo posizionarlo e lo passeremo per sette volte per la parte che ci causa fastidio o dolore, e contemporaneamente diremo qualcosa come:

"Ogni sette volte permetto che assorbirai energia e che la liberi"

Quindi ogni sette volte lo scuoteremo nell'aria e ripeteremo questo procedimento tante volte quante avvertiremo che sia necessario.

Per cure più complesse sarà necessario utilizzare più cristalli e diverse roccie, poichè ognuna è in possesso di un'energia speciale che viene dalla Terra. Sarà inoltre necessario utilizzare i quattro elementi.

È possibile utilizzare i cristalli anche per fronteggiare qualsiasi situazione negativa, per esempio, se hai paura, puoi afferrare il tuo cuarzo e chiedergli l'energia necessaria per superare quel momento oppure se ti rechi ad un esame o ad un'intervista di lavoro. Il tuo cuarzo ti aiuterà, poichè assorbirà le cattive energie di quel determinato momento affinchè non ti dannegino.

Lo stesso accade se litighi, però prima dovrai chiedergli perdono perchè gli trasmetterai tutta la cattiva energia. Anche se non dobbiamo preoccuparci, perchè il tuo cristallo ha il dono di potersi disfare della cattiva energia che può converire in positiva.

Lo afferrerai con le due mani chiedendo al tuo corpo di scaricare tutta la cattiva energia eliminandola attraverso le mani, e la trasmetterai al cristallo per sette volte. Successivamente depositerai con attenzione il cuarzo in un contenitore con dell'acqua affinchè possa pulirsi di nuovo. Elimina l'acqua con attenzione perchè non cada niente dell'energia rimasta nel liquido.

Una cosa che i cuarzi adorano è il mare, poichè li ci sono i quattro elementi. Li si trova un'energia molto simile a qualla che li formò. Lascia che si riempiano di acqua e poi potrai porli un poco sulla sabia perchè in questo modo assorbiranno moltissima energia.

I cuarzi si caricano un milione di volte in più se li porti al mare anzuchè se solo li depositerai in acqua del mare. è raccomandabile lasciarli in acqua non meno di 10 minuti, perchè in questo modo si puliranno ed inizieranno ad assorbire tutto.

 

Sono felici al nostro lato e lo noterai, ogni volta lo vedrai più brillante.

Comunicare attraverso il cuore

Per finire è necessario sottolineare l'importanza di mantenere con il nostro cristallo una comunicazione identica a quella mantenuta con qualsiasi altra persona. Avvertire che si tratta di un essere vivo che è felice al nostro lato.

Alcuni affermano che è necessario prendere il cristallo in una maniera particolare, però sarà solo il nostro cuore che ci dirà in che maniera dovremo prenderlo.

Magari sentiremo la necessità di guardarlo fisso o di porlo in alcun lato, la comunicazione non sarà sempre la stessa.

Dobbiamo sempre vederlo come un amico che ci aiuterà ad attivare la nostra energia, per cui dobbiamo chiedergli di comunicarci la posizione esatta per poter congiungerci con lui.

Il miglior modo di trattare con qualcuno è di farlo con il il tuo cuore. Non è necessario basarsi sui libri, ma solo ritrovare di nuovo quel cammino che già conoscevamo all'inizio dei tempi, questa comunicazione che sarà a nostro beneficio.
 

Flora Rocha

Fondazione la Sagezza del Cuore

This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Condividi

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark
Up

Pensiero del giorno

“La Saggezza depositata nel

Cuore, è la Forza e la Luce

che ci spinge ad ottenere la

Felicità, e che ci mostra il

vero colore dell’esistenza,

donandoci il più puro

significato della vita

Seguici anche su Facebook

Flora Rocha

Si consiglia di ...

Seguici anche su Facebook

Banner
Up
Up